fbpx

SEO per e-commerce: gli elementi a cui prestare attenzione

Al giorno d’oggi tutti possono aprire uno shop online, ma sono in pochi quelli che realmente riescono ad avere un grande successo. Nella nostra esperienza abbiamo notato come la maggior parte dei negozi che faticano a decollare su internet prestino poca attenzione agli aspetti legati alla SEO per e-commerce.
Sul web, infatti, non basta avere i migliori prodotti per fatturare cifre altissime. È necessario anche riuscire a farsi notare dai motori di ricerca. Per farlo, devi interessarti anche degli aspetti di ottimizzazione dell’e-commerce, in modo da riuscire ad aumentare le tue vendite online grazie alla SEO.
Continua a leggere questo articolo per capire come utilizzare la SEO per vendere online!

Scegliere il giusto CMS

Partiamo dalle basi.
Il primo punto è infatti lo scegliere la giusta piattaforma.
Sono tantissimi ormai i servizi che ti permettono di aprire un e-commerce anche in completa autonomia, da WordPress, il CMS per eccellenza, a Magento, da Prestashop fino a Shopify, sicuramente il più diffuso tra gli store online.
Ogni piattaforma ha i suoi pro e i suoi contro, anche per quanto riguarda l’ottimizzazione SEO. Informati allora su cosa vuoi dal tuo e-commerce e su cosa ogni singolo servizio sia in grado di offrirti per scegliere il CMS che meglio si adatta alle tue esigenze.

Assicurarsi che l’e-commerce sia mobile-friendly

Uno degli aspetti più importante della SEO negli ultimi anni riguarda l’esperienza utente che si è in grado di dare ai clienti su tutti i dispositivi.
Per questo motivo, è oggi necessario avere un e-commerce ottimizzato anche per l’utilizzo su smartphone e tablet. Avere un sito mobile-friendly, infatti, aiuta moltissimo lato SEO, anche se le ricerche sono effettuate da desktop.
Assicurati quindi di avere un sito con un design responsive.

Ottimizzare la struttura dell’e-commerce

Arriviamo quindi alla creazione dell’e-commerce vero e proprio: è il momento di ideare la struttura, in gergo chiamata alberatura.
Un sito con una struttura efficiente è diviso in massimo otto categorie, a loro volta potenzialmente divise ulteriormente in altre sotto-categorie, in cui ci saranno infine i prodotti.
In questo contesto è necessario sapere che la struttura del sito deve essere il più equilibrata possibile e ogni pagina deve trovarsi a massimo tre o quattro click dall’homepage.

Fare un’efficace keywords research

Arriviamo poi alla fase che tutti conoscono delle strategie SEO: la keywords research.
Non si scappa da questo punto: trovare le parole chiave giuste fa la differenza e una loro buona ricerca e ottimizzazione all’interno del tuo sito è sicuramente un fattore decisivo capace di portarti tra i leader della tua nicchia.
Ma cosa fa di una keyword un’ottima keyword?
Semplice:

Deve avere un buon volume di ricerca;
Deve essere pertinente con i contenuti della pagina e con l’intento di ricerca dell’utente;
Non deve avere una concorrenza altissima, soprattutto con dei leader molto forti.

Già trovare delle parole chiave capaci di soddisfare questi requisiti può aiutarti a fare un grandissimo balzo in avanti nel ranking di Google.

Pubblicare solo contenuti originali

A nessuno piacciono i copioni, tantomeno a Google.
Lo studio dei competitors è fondamentale per avere successo, ma cerca di prendere spunto dai loro contenuti per fare di meglio, non di copiarli!
Oltre a occupare un segmento di mercato in cui c’è già qualcun altro, ricordati che Google penalizza tutti i contenuti duplicati, abbassando il punteggio SEO della pagina incriminata.

Fare link-building

Andiamo un po’ più sul tecnico. Fare link-building è fondamentale per scalare le posizioni in SERP con il tuo e-commerce.
Per farlo, pubblica prima di tutto contenuti di qualità in modo da attirare l’attenzione. Valuta poi di adottare altre strategie per aumentare il numero dei tuoi backlink, come ad esempio entrare in contatto con blog e influencer o affidarti ad un’agenzia che offra servizi di Digital PR.

Ottimizzare gli URL delle pagine

Un aspetto un po’ tecnico ma che non deve essere sottovalutato riguarda l’ottimizzazione degli URL.
Avere un URL semplice, contenente parole chiave, pertinente ai contenuti della pagina e magari anche diviso nelle varie subdirectory del sito, migliora non solo l’esperienza degli utenti, ma aiuta enormemente anche lato SEO.
Anche questa volta, se possibile, questo ragionamento dovrebbe essere applicato ad ogni pagina del tuo e-commerce.

Ottimizzare le schede prodotto

La base di un negozio sono i prodotti che vende, indipendentemente che sia fisico o digitale.
Per un e-commerce a maggior ragione, però, bisogna prestare una grande attenzione alla presentazione dei prodotti che si vendono, in quanto i clienti non possono fisicamente provarli e toccarli con mano.
L’ottimizzazione delle schede prodotto diventa quindi un fattore chiave, sia lato SEO, sia puramente per marketing, per presentare al meglio il proprio prodotto e aumentare di conseguenza la probabilità che un utente lo acquisti.
Ma come fare? Vediamo qualche semplice consiglio che puoi mettere in pratica:

Scegli e ottimizza le giuste keyword: come ormai avrai già capito, la scelta delle parole chiave può fare la differenza. Sceglile attentamente seguendo i consigli che hai letto nei paragrafi precedenti e integrale nei testi delle schede con naturalezza e senza forzature;
Scegli le giuste immagini: non tutte le foto vanno bene per presentare il prodotto. Scegli il giusto formato di immagine, trovando una buona proporzione tra la compressione del file e la sua qualità di risoluzione;
Fornisci informazioni dettagliate: prova a pensare cosa un cliente vorrebbe sapere prima di acquistare un oggetto. Inserisci quindi tutte le informazioni che ritieni utili all’interno della scheda del prodotto in modo dettagliato e cercando di soddisfare le richieste degli utenti.
Ottimizza le pagine anche per dispositivi mobili: come abbiamo già visto, la maggior parte delle persone utilizza lo smartphone per navigare sul web e l’esperienza utente da mobile è ad oggi una metrica molto importante tra quelle che Google tiene in considerazione. Cerca quindi anche in questo caso di creare delle schede prodotto che siano facilmente fruibili su ogni tipo di dispositivo;
Inserisci sempre una Call-To-Action: la Call-To-Action è l’invito all’azione. È essenziale che vi sia in ogni scheda prodotto di un e-commerce per aumentare esponenzialmente la percentuale di conversione. Non è necessario fare salti mortali per inserirla, sarà sufficiente il più classico dei pulsanti cliccabili con la dicitura “Aggiungi al carrello”.

Piccolo consiglio. È abbastanza comune che un e-commerce abbia anche diverse migliaia di schede prodotto e che sia quindi fisicamente impossibile tenerle tutte costantemente aggiornate e perfettamente ottimizzate. Cerca comunque di ottimizzarle tutte almeno ad un livello base, ma se non riesci tenerle costantemente sotto controllo, concentrati in modo particolare nell’ottimizzazione di quei prodotti che generano più conversioni: su queste schede non puoi permetterti di sbagliare.

Gestire le pagine dei prodotti mancanti o terminati

Un possibile tasto dolente della SEO per e-commerce riguarda la gestione dei prodotti mancanti o terminati.
Queste operazioni potrebbero non essere facili da gestire. Per una persona che non conosce i tecnicismi del mestiere non è infatti immediato destreggiarsi tra redirect 301, 302, errori 404 e simili.
Il consiglio è comunque quello di prestare molta attenzione a questo aspetto e nel caso fosse necessario contattare un esperto in grado di aiutarti.

Prestare attenzione agli aspetti tecnici della SEO

Arriviamo quindi alla parte finale: ricordati di prestare attenzione a tutti quegli aspetti tecnici della SEO che non abbiamo ancora citato.
Adottare protocolli sicuri, sitemap, NoIndex, pulitura del codice, ottimizzazione nella scelta dei plugin nei CMS, inserimento dei file robots.txt e simili: non sottovalutare l’importanza che hanno anche tutti questi aspetti e molti altri.
Interessarsi anche alla parte tecnica dell’e-commerce è un fattore imprescindibile per apparire nelle prime posizioni della SERP e portare le tue vendite alle stelle.

Conclusioni

Se sei giunto su questa pagina e a maggior ragione alla fine di questo articolo sai bene che posizionarsi tra i primi risultati delle ricerche dei tuoi potenziali clienti su Google costituisce un punto cardine per il successo del tuo business online.
Non sottovalutare quindi i dieci elementi visti in questo articolo e ricorda che sono solo un punto di partenza: l’ottimizzazione SEO è potenzialmente infinita!
Contattaci per saperne di più e parlare con un nostro esperto!


Se pensi che possiamo essere il partner ideale per il tuo business, contattaci.

Richiedi Preventivo Gratuito